0331.677499

Vendi Casa al meglio

DOCUMENTI E VERIFICHE

Documenti e verifiche

Anche se il venditore è tenuto a garantire la regolarità dell'immobile, in realtà è all'acquirente che spetta l'impegno e l'onere economico, nel suo esclusivo interesse, di controllare la conformità dell'immobile sotto il profilo urbanistico, ipotecario e catastale.

Qualora i controlli evidenzino delle irregolarità, l'acquirente potrebbe però, giustamente, chiederne conto al proprietario. Per questo motivo quando ci si accinge alla vendita del proprio immobile è sempre meglio prevenire e anticipare queste verifiche, onde evitare spiacevoli inconveniente e noiosi ritardi al momento della vendita.

 

I documenti attestanti la proprietà

Sia che abbiate deciso di rivolgervi ad una agenzia sia che abbiate deciso di optare per il "fai da te", non fatevi scrupoli a mostrare il Titolo di proprietà del vostro immobile. Sono informazioni reperibili da chiunque. Fornendole voi in anticipo, farete risparmiare tempo e denaro all'acquirente.

Il futuro acquirente ha infatti il diritto di sapere le informazioni riguardanti i proprietari prima di affrontare la compravendita.

Ricordatevi di recuperare:

  • La copia dell'atto notarile di acquisto
  • La dichiarazione di successione e relativi documenti (se avete ereditato l'immobile)
  • La nota di trascrizione
  • Il regolamento condominiale (se esistente)
  • Il contratto di locazione (se l'immobile è affittato ad un inquilino)
  • il certificato di stato libero o atto di matrimonio
  • La copia del contratto di mutuo (se gravato da ipoteca)
  • ricevuta versamento estinzione Mutuo (per i mutui estinti)

 

La regolarità Catastale

I primi controlli andranno fatti al Catasto Edilizio Urbano, purtroppo, non essendo probatorio, la documentazione spesso non è aggiornata alla situazione attuale. Le informazioni contenute in catasto possono essere cambiate in ogni momento tramite la presentazione di una domanda di variazione da parte di un tecnico. (ovviamente le modifiche devono essere state regolarmente autorizzate dal Comune)

Dal catasto si possono recuperare:

  • Gli elaborati planimetrici dell'immobile
  • La visura catastale

 

La conformità Urbanistica

La verifica più importante riguarda l'accertamento della conformità dell'immobile. Si tratta di un aspetto che ancora oggi è molto sottovalutato, ma che a causa delle notevoli conseguenze economiche che può provocare, è meglio non trascurare.

Purtroppo, ancora oggi, la maggioranza del patrimonio immobiliare italiano non risulta conforme al 100% presentando più di qualche abuso ed irregolarità.

A seconda della gravità infatti, ci si potrebbe trovare davanti a un bene incommerciabile, oppure, nei casi meno gravi, a un bene che, per essere regolarizzato, deve essere oggetto di una apposita autorizzazione da parte del comune, andando incontro a spese talvolta anche molto elevate.

La normativa prevede, che il venditore abbia l'obbligo di dichiarare sotto la propria responsabilità, nel rogito notarile, la conformità urbanistica. Il più delle volte però egli stesso non è consapevole del'effettiva situazione dell'immobile o ne sottovaluta l'importanza.

Documenti e dati da recuperare o produrre:

  • Riferimenti dei titoli urbanistici (licenze, concessioni, permessi di costruire etc...)
  • Certificati di Agibilità
  • Attestato prestazione Energetica
  • Certificati conformità degli impianti
  • Concessioni e documenti riferiti al condono (per gli immobili condonati)

 

Vendere un immobile non regolare potrebbe comportare gravi sanzioni per il venditore e l'invalidazione dell'atto notarile. Pertanto consigliamo sempre di effettuare un check-up tecnico approfondito dell'immobile, in modo da rendere consapevole sia il venditore che il futuro acquirente degli interventi necessari alla messa in regola dell'immobile.